“Il tempo del silenzio” di Enzo Scotto Lavina

Presentazione del libro “Il tempo del silenzio. La figura femminile in Piero della Francesca, Johannes Vermeer, Edward Hopper” di Enzo Scotto Lavina (Editori Paparo)

Intervengono
Claudio Strinati
Francesca Cappelletti
Benedetta Bini

Un punto di vista
Liliana Barroero
Giuseppe Richeri

Coordina
Alberto Abruzzese

LOCANDINA

https://www.editoripaparo.com/negozio/catalogo/piero-gemelli-fotografie-e-stail-tempo-del-silenzioorie-immaginate-copia/

“Louis Henry e il balletto a Napoli in età napoleonica” di Annamaria Corea

Presentazione del libro “Louis Henry e il balletto a Napoli in età napoleonica” di Annamaria Corea (Libreria Musicale Italiana, 2021)

L’evento rientra nel ciclo di Seminari “Teatro Performance Danza. Storia visioni memoria ricerca” del Dottorato in Musica e Spettacolo, Sapienza Università di Roma.


L’arrivo dei francesi a Napoli nel 1806 avviò un intenso processo di francesizzazione dei teatri reali, il Teatro di San Carlo e il Teatro del Fondo. Per il balletto, così come per altri ambiti artistici, si trattò di un ulteriore, sostanziale, avvicinamento della cultura italiana al gusto francese, che coinvolse tutti gli aspetti della danza, dalla didattica alla coreografia. In tale contesto, si distingue la figura di Louis Henry (Versailles 1784 – Napoli 1836) che giunse a Napoli nel 1808 portando con sé una significativa esperienza di danseur noble all’Opéra di Parigi e di coreografo al teatro parigino della Porte-Saint-Martin. Persona colta e intraprendente, Henry tentò in questo primo periodo napoletano varie formule di balletto, mostrando versatilità e lungimiranza nella scelta dei soggetti e nell’esplorazione di nuovi ambiti tematici e stilistici. Nel presente volume, l’Autrice traccia un percorso dell’attività dell’artista dagli esordi parigini alle creazioni del Decennio francese, avvalendosi di una molteplicità di fonti in larga parte inedite e di rimandi alla produzione ballettistica coeva e al contesto storico-culturale.

Saluti di
Letizia Norci Cagiano de Azevedo
Vito Di Bernardi

Introduce
Silvia Carandini

Intervengono
Andrea Chegai
Mara Fazio

Sarà presente l’Autrice

INVITO

In occasione dell’evento sarà possibile acquistare il volume.

https://www.lim.it/it/saggi/6241-louis-henry-e-il-balletto-a-napoli-in-eta-napoleonica-9788855431019.html

“ll romanzo francese dell’Ottocento” di Alberto Beretta Anguissola.

Presentazione del libro
“Il romanzo francese dell’Ottocento. Un racconto in otto percorsi” di Alberto Beretta Anguissola.

Intervengono
Pietro Ichino
Marina Valensise

Sarà presente l’Autore.

INVITO

L’evento sarà trasmesso anche in streaming sul canale Youtube della Fondazione Primoli.
Per accedere sarà necessario esibire il Green Pass rafforzato e indossare una mascherina FFP2.

“Frammenti in ombra” di Fabio Castriota

Presentazione del libro di Fabio Castriota

(Albatros, 2021)

Introduce Roberto Antonelli
(Presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei, Presidente della Fondazione Primoli)

Intervengono:
Cristina Comencini (regista, scrittrice)
Manuela Fraire (psicoanalista, membro della Società Psicoanalitica Italiana)
Gianni Garko (attore)

Modera Patrick Valdrini (Vicepresidente della Fondazione Primoli)

Sarà presente l’Autore

INVITO

L’evento sarà trasmesso anche in streaming sul canale Youtube della Fondazione Primoli.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Per accedere sarà necessario esibire il Green Pass.
Info: eventi@fondazioneprimoli.it / 0668801136

GALLERIA FOTOGRAFICA

Les musées d’artistes et de collectionneurs: relique ou modèle?

Les musées d’artistes et de collectionneurs: relique ou modèle ?

di Dario Gamboni

Introduce
Maria Giuseppina Di Monte

LOCANDINA

La crise sanitaire mondiale met aussi en cause le fonctionnement des musées, notamment un modèle économique dominé par l’organisation d’événements et la maximisation de la fréquentation. On lit et entend ainsi nombre de responsables de musées déclarer leur intention de revenir à la raison d’être de leurs institutions, la collection, ainsi qu’à leur ancrage territorial et leur public local. Dans ce contexte, les musées d’artistes et de collectionneurs, qui sont restées fidèles à cette raison d’être par vocation et, parfois, par obligation juridique, occupent une position particulière. La parution de l’ouvrage de Dario et Libero Gamboni, Le Musée comme expérience. Dialogue itinérant sur les musées d’artistes et de collectionneurs (Paris, Hazan, 2020), dans lequel figure notamment le Museo Mario Praz, fournit l’occasion d’examiner leur valeur possible de modèle.


L’AUTEUR
Spécialiste de l’art du XIXe au XXIe siècle, Dario Gamboni est professeur honoraire d’histoire de l’art à l’université de Genève, après avoir enseigné à Lyon, à Cleveland et à Amsterdam. Il a coorganisé des expositions, dont Iconoclash (Karlsruhe, 2002) et Une image peut en cacher une autre (Paris, 2009). Parmi ses nombreuses publications, on peut citer Paul Gauguin au « centre mystérieux de la pensée» (2013), La Destruction de l’art. Iconoclasme et vandalisme depuis la Révolution française (2015 [1997]) et Images potentielles. Ambiguïté et indétermination dans l’art moderne (2016 [2002]). Il a été chercheur et professeur invité dans de nombreuses universités et centres de recherche, entre autres à la American Academy in Rome (2021) et est actuellement Visiting Professor à I Tatti, The Harvard University Center For Italian Renaissance Studies, Florence.

L’evento sarà trasmesso anche in streaming sul canale Youtube della Fondazione Primoli.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Per accedere è necessario esibire il Green Pass.

GALLERIA FOTOGRAFICA


Presentazione del libro “La contessa. Virginia Verasis di Castiglione” di Benedetta Craveri (Adelphi, 2021)

Giovedì 21 ottobre, ore 18

Intervengono
Marina D’Amelia
Luca Pietromarchi

Sarà presente l’autrice

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Per accedere sarà necessario esibire il Green Pass.
Info: eventi@fondazioneprimoli.it / 0668801136

«Io non credo nell’amore, è una malattia che passa com’è venuta … prendetemi oggi, non contate di avermi domani» scrive Virgina Verasis di Castiglione a uno dei suoi innumerevoli amanti, palesando la sua esigenza più radicata e insopprimibile: non avere padroni. Un’esigenza che emerge prepotentemente dal racconto che della sua vita ci propone l’autrice di Amanti e regine. Tutti noi – grazie agli scritti di testimoni e biografi, a film e sceneggiati televisivi, nonché ai moltissimi ritratti fotografici che in anni recenti sono stati pubblicati ed esposti – crediamo di sapere chi sia stata la contessa di Castiglione: una «seduttrice seriale» di incomparabile bellezza che, dopo aver conquistato (secondo le istruzioni ricevute dal conte di Cavour) Napoleone III e abbagliato la corte del Secondo Impero, si chiuse in una casa senza specchi nascondendo ai propri occhi e a quelli del mondo la sua inarrestabile decandenza. Ma colei che Robert de Montesquiou consacrò per sempre come «la divine comtesse» è stata molto di più, e Benedetta Craveri, la quale ha rintracciato negli archivi italiani e francesi un’ingente mole di lettere totalmente inedite, ce lo fa scoprire lasciando che sia Virginia a parlarci di sé: dei suoi amori, delle sue ambizioni, delle sue paure, delle sue ossessioni. Vengono così alla luce aspetti sorprendenti di una donna che seppe usare il suo fascino, ma anche la sua intelligenza politica, la sua audacia, la sua volontà di dominio, la sua straordinaria abilità di commediante, e anche una buona dose di cinismo, per raggiungere un traguardo all’epoca inimmaginabile: disporre liberamente della propria esistenza. Una ribellione alle regole imposte dalla morale del secolo borghese che, scrive Craveri, “ha mantenuto intatta la sua forza incendiaria e che ancora oggi disturba, sconcerta, scandalizza».

https://www.adelphi.it/libro/9788845936197

Presentazione del libro GIUSEPPE PRIMOLI ABBASTANZA STRANIERO PER VISITARE ROMA, ABBASTANZA ROMANO PER CAPIRLA. Memorie di Roma (1871-1879)

Museo di Roma – Palazzo Braschi (cortile)
Lunedì 20 settembre, ore 18

Intervengono Maria Vittoria Marini Clarelli, Letizia Norci Cagiano de Azevedo, Antonio Rodinò di Miglione

Letture di Sara Armentano

Programma
Comunicato stampa

GALLERIA