Un libro ritrovato

Recensioni/Un libro ritrovato

CLASSICI DA RILEGGERE

Andrea Camilleri, La rivoluzione della luna, Sellerio, 2013.

In un’epoca in cui la politica si muove a rilento e non riesce a concretizzare soluzioni efficaci, e in cui ripetutamente si suggerisce di dare più potere alle donne, questo libro meno conosciuto di Andrea Camilleri appare di grande attualità benché ambientato durante il Vice regno di Sicilia, in pieno XVII secolo. 
Il Viceré muore improvvisamente e, per testamento, lascia alla vedova, la bellissima donna Eleonora di Mora, il governo di un paese dove regnano soprusi e corruzione, a partire proprio dai membri del Sacro Regio Consiglio.
Nel giro di ventotto giorni – il tempo che impiega la luna per fare la sua rivoluzione intorno alla terra – la viceregina rimette molte cose a posto, cominciando con la sostituzione dei funzionari corrotti con altri perfettamente onesti.
La lotta tra bene e male sarà molto impegnativa, come una difficile partita a scacchi dove, a ogni perfida mossa, donna Eleonora risponde con meditati contraccolpi, senza mai perdere il controllo della situazione.
Pur trattandosi di una severa opera di denuncia, il libro è di piacevolissima lettura grazie all’incalzare di colpi di scena e all’umorismo che tocca il suo culmine nello spagnolo parlato da donna Eleonora, esilarante e improbabile quanto il siciliano di Camilleri.

Letizia Norci Cagiano de Azevedo
20 giugno 2022